Un operaio di 40 anni è morto nello stabilimento di Fca a Piedimonte San Germano, in provincia di Frosinone. L’incidente è avvenuto nella notte nel reparto presse a freddo: secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, il lavoratore, residente in zona, stava spostando, insieme a un altro collega, un macchinario in funzione quando si è ferito mortalmente al collo. Inutile l’intervento del 118. Sono in corso indagini per ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente e sul posto si è recata anche la pm di turno, Valentina Maisto. La Procura di Cassino indaga per omicidio colposo.

La Fim, Fiom e Uilm di Cassino hanno dichiarato sciopero di 8 ore su tutti e tre i turni per l’infortunio mortale. “Serve un confronto sugli interventi – commentano Francesca Re David, segretaria generale Fiom-Cgil, e Michele De Palma, segretario nazionale Fiom-Cgil – sulla formazione, sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. È necessaria un’iniziativa del governo per aumentare la prevenzione e i controlli con i servizi ispettivi, ormai sempre più in carenza anche di personale”

L’operaio della Fca si aggiunge alla lunga lista di morti sul lavoro: secondo l’ultimo rapporto Inail, pubblicato in agosto, da gennaio a luglio 2019 in Italia le vittime sono oltre 600. Nei primi sette mesi sono state 12 in più rispetto allo stesso periodo del 2018, con un aumento del 2 percento. Dal punto di vista territoriale emerge invece un aumento dei casi mortali solo nel Centro Italia (10 in più, a 110 a 120) e al Sud (da 119 a 134), mentre al Nord c’è una diminuzione di 25 casi. Resta, tuttavia, la Lombardia la regione con più vittime: 103 da inizio anno.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palermo, cocaina e hashish da Marocco e Argentina: 20 misure cautelari. Le intercettazioni in codice: “Ti serve un cavallo per 2000 metri”

next
Articolo Successivo

Autostrade, Conte: “Procedimento in corso è per la caducazione della concessione”. Posato il primo pezzo del ‘nuovo’ ponte Morandi

next