Duecentoventotto sacchi di plastica con 4 tonnellate di oloturie, meglio conosciute come “cetrioli di mare“, provenienti dalla pesca di frodo. È questo il bottino sequestrato dalla Guardia costiera di Bari a Fasano dopo aver intercettato e fermato un mezzo pesante pronto a imbarcarsi a Brindisi e diretto in Grecia. Secondo gli accertamenti, il carico avrebbe alimentato il mercato orientale di oloturie la cui vendita in Italia è ritenuta illegale per il decreto del Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali del 27 febbraio del 2018. Il decreto era stato approvato a seguito di una ricerca scientifica, condotta nelle acque italiane, che dimostrava l’importanza fondamentale per l’ecosistema marino del “cetrioli di mare”.

L’autista del tir è stato denunciato all’autorità giudiziaria anche per disastro ambientale, mentre i “cetrioli di mare”, sottoposti a sequestro, sono stati rigettati in mare trattandosi di esemplari ancora vivi. La Puglia è uno dei mari più ricchi e saccheggiati: è dal 2016 che la Guardia di finanza e la Guardia costiera lottano contro il giro d’affari da migliaia di euro dietro il traffico illecito di oloturie. Spesso i pescatori locali di frodo vendono i cetrioli di mare a società greche che poi provvedono al commercio in Asia, dove l’oloturia è considerato un piatto pregiatissimo ed è molto costosa.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autostrade, Conte: “Procedimento in corso è per la caducazione della concessione”. Posato il primo pezzo del ‘nuovo’ ponte Morandi

next
Articolo Successivo

Padova, schiaffi e minacce ai bambini del centro culturale. Arrestato imam: le segnalazioni partite da familiari e insegnanti

next