Finisce con un settimo posto il sogno di Filippo Tortu ai Mondiali di Doha. Il giovane atleta ha conquistato la finale dei 100 metri 32 anni dopo Pavoni. L’oro va al velocista statunitense Christian Coleman che domina la gara e la chiude in 9”76, raggiungendo il suo record stagionale e il sesto tempo migliore di sempre in un mondiale. Dietro di lui il collega Justin Gatlin. Bronzo invece per il canadese Andre De Grasse.

L’azzurro conquista comunque il suo miglior tempo con 1o” o7. Era l’unico europeo in gara. Già in semifinale la sua impresa è risultata storica: Pierfrancesco Pavoni raggiunse la finale ai mondiali di Roma dell’87, classificandosi settimo con un tempo di 16” 23.

In semifinale il velocista milanese ha tagliato il traguardo in 10″11 ed è stato il primo dei ripescati per un solo millesimo. “Oggi sono riuscito a tirare fuori le p… – ha detto a RaiSport – L’obiettivo era quello di qualificarsi. Rispetto alla gara di ieri sentivo una carica diversa. L’affetto di molte persone sicuramente mi ha aiutato. Ho corso per cavoli miei, alla fine mi sono buttato e come ieri per un centesimo e oggi per un millesimo vado a farmi la finale. Non ho parole”. Non è invece riuscito a qualificarsi l’altro velocista azzurro, Marc Jacobs.

E un altro successo arriva anche dal salto con l’asta. Claudio Stecchi ha infatti raggiunto la finale migliorandosi di tre centimetri e superando 5.75 al secondo tentativo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’avversario sta male, lui si ferma e lo porta al traguardo: il gesto che vale più di una vittoria

next
Articolo Successivo

Eleonora Giorgi di bronzo nella 50 chilometri di marcia ai Mondiali di atletica a Doha

next