L’Italia è il terzo Paese europeo per presenza di migranti, dopo Germania e Regno Unito e prima di Francia e Spagna. A raccogliere i dati è l’ultimo rapporto sull’immigrazione Caritas-Migrantes 2018-2019. Gli stranieri regolarmente residenti in Italia sono 5.255.503, l’8,7 per cento della popolazione. E se c’è chi arriva, c’è anche chi se ne va: il rapporto sottolinea anche l’allontanamento di cittadini che dal 2014 è risultato equivalente di una grande città come Palermo (677mila persone), un dato già reso noto dall’Istat quando aveva messo in evidenza un tracollo demografico che aveva stabilizzato a 55 milioni il totale degli italiani.

Questa perdita – sottolinea il rapporto di Migrantes – è compensata, nello stesso periodo, dai nuovi cittadini italiani (oltre 638mila) e dal contemporaneo aumento di oltre 241mila cittadini stranieri residenti. Pur tenendo conto della diminuzione della natalità straniera, -3,7% nel 2018, risulta evidente il contributo degli immigrati alla riproduzione demografica dell’Italia. Secondo il rapporto, inoltre, in Italia diminuiscono gli ingressi per motivi di lavoro, mentre aumentano quelli per asilo e protezione umanitaria.

Sotto il profilo della distribuzione geografica, la popolazione straniera si concentra soprattutto al Nord (57,5%) e al Centro (25,4) mentre al Sud e nelle Isole si ferma rispettivamente al 12,2 per cento e al 4,9, sia pure con tassi in crescita. Su scala regionale è la Lombardia quella con il maggior numero di stranieri residenti: sono 1.181.772, pari all’11,7% della popolazione totale residente. Seguono Lazio (683.409; 11,6), Emilia Romagna (547.537; 12,3), Veneto (501.085; 10,2%) e Piemonte (427.911; 9,8%).

Tra le province, invece, Roma con 556.826 cittadini stranieri supera Milano nel numero assoluto di residenti (470.273), ma in percentuale è indietro di quasi due punti percentuali (14,5 a 12,8). A Torino, terza provincia con il maggior numero di regolari residenti, sono meno della metà (221.842). La comunità straniera più popolosa è quella romena (1.206.938 persone, pari al 23% degli immigrati totali), seguita da quella albanese (441.027; 8,4%) e da quella marocchina (422.980; 8%). Infine, nelle scuole italiane, si contano 841.719 alunni stranieri, pari al 9,7% della popolazione scolastica. Rispetto all’anno scolastico precedente, si tratta di 16mila studenti in più.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bologna, camionista travolto e ucciso: arrestato un collega con cui la vittima aveva litigato poco prima

next
Articolo Successivo

Seggiolini antiabbandono, ok del Consiglio di Stato dopo un anno. Ma con osservazioni: “Diverse incongruenze, anche su età bambini”

next