A pochi giorni dall’annuncio del nuovo smartwatch di Apple, Watch serie 5, i tecnici di iFixIt hanno smontato il dispositivo per capire com’è fatto all’interno. Esternamente sappiamo già che il Watch 5 è identico al Watch 4. Quello che è emerso dallo smontaggio è che dentro ci sono delle differenze minime, che comportano una diretta conseguenza: i componenti non sono intercambiabili tra i due smartwatch.

L’azienda di Cupertino ha apportato modifiche alla forma e alla disposizione dei componenti interni che di fatto rendono impossibile utilizzare le parti di Apple Watch Serie 4 su Apple Watch Serie 5 e viceversa. I laboratori deputati alle riparazioni, pertanto, dovranno avere in dotazione kit di ricambio del tutto separati.

La differenza maggiore riguarda le batterie. Quella installata nel modello con cassa da 44 millimetri è più grande dell’1,4% rispetto a quella del modello precedente con cassa identica. È facile intuire che sul piano dell’autonomia cambia pochissimo, soprattutto in considerazione del fatto che Apple Watch Serie 5 integra la funzione di Always-On-Display (AOD) che, tenendo sempre acceso lo schermo, consumerà più corrente.

Watch Serie 5 a sinistra, Watch Serie 4 a destra. Crediti: iFixIt

Peraltro, per Always-On-Display Apple ha dovuto usare driver di visualizzazione avanzati per il display, che sono realizzati con tecnologia LPTO. Il sensore di luce ambientale e la bussola sono visibili solo attraverso i raggi X. Nel modello con cassa da 40 millimetri, invece, la batteria è racchiusa in un involucro in metallo e ha una capienza maggiore del 10%. In questo caso sarebbe lecito aspettarsi una seppur minima miglioria nell’autonomia, che si potrà verificare solo dopo test approfonditi.

Immagine: Creative Electron

Detto questo, la procedura da seguire per lo smontaggio è risultata la stessa per entrambe le generazioni di smartwatch, e non si differenzia molto da quella da mettere in opera anche per i concorrenti. Bisogna usare un coltello di precisione e un po’ di calore per separare il display dal corpo: un’operazione che non va mai fatta in casa con soluzioni fai-da-te.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

OnePlus 7T è con Android 10 ha tre fotocamere e uno schermo da 90 Hz

prev
Articolo Successivo

Facebook nasconde i “like” in Australia per dare serenità agli utenti

next