False liste di farmaci contenenti ranitidina stanno girando sui social, ma “non hanno nulla a che vedere con quelle oggetto dei provvedimenti restrittivi disposti nei giorni scorsi”. A lanciare l’allarme è l’Agenzia italiana del Farmaco, l’Aifa, che denuncia la diffusione di fake news con un comunicato stampa.

Gli esperti dell’ente regolatorio raccomandano di “consultare esclusivamente le informazioni pubblicate sul portale” web dell’Aifa, dove sono pubblicati sia gli elenchi dei lotti dei farmaci contenenti ranitidina interessati dal ritiro e sia di quelli il cui uso è vietato. “Ogni altro elenco difforme da quelli su indicati – si precisa – non è da considerarsi attendibile”.

La nota si riferisce al divieto emanato qualche giorno fa dalla stessa Agenzia, di utilizzo e diffusione di alcuni lotti di medicinali contenenti il principio attivo, utile ai disturbi gastrointestinali. Tra i farmaci interessati, presenti quindi nella lista ufficiale, anche Zantac, Ranidil e Buscopan antiacido.

Il falso elenco, fatto girare soprattutto tramite la classica catena WhatsApp, come denuncia il debunker Claudio Michelizza, include diversi farmaci non interessati dal divieto, in primis perché non contenenti ranitidina. Nella lista si leggono nomi come Momentact, Antalgil, Buscofen ed altri, che sono dei Fans, cioè farmaci anti-infiammatori, in questo caso a base di ibuprofene.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Aldro vive con noi”, la coreografia dei tifosi della Spal in memoria di Federico Aldrovandi. Il padre Lino: “Che emozione”

prev
Articolo Successivo

Influenza, primo virus isolato su una bambina a Parma. Gli esperti: “Non è più un male di stagione. Ma con il freddo scatterà epidemia”

next