“Attendiamo con il massimo rispetto la decisione della Consulta, qualunque essa sia”, così Marco Cappato dopo l’udienza alla Consulta in cui si è discusso il caso Dj Fabo. “Ho aiutato Fabiano perché l’ho ritenuto un dovere morale”, continua, “ora sapremo se può essere riconosciuto come un diritto”. “Il Parlamento si è dimostrato inadeguato perché i capi dei partiti hanno impedito ai parlamentari di poter decidere su una materia dove non vale la disciplina e non vale la logica di fazione e di rissa”, dice Cappato in riferimento agli 11 mesi di tempo avuti per legiferare a riguardo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Non una di meno, flashmob “contro narrazione tossica dei giornali”: “Alimentano la cultura della violenza”. Odg: “È una patologia del sistema”

next
Articolo Successivo

Eutanasia, udienza alla Consulta. Cappato: “Al centro c’è la libertà”. Avvocato Stato: “Serve disciplina generale”

next