“Attendiamo con il massimo rispetto la decisione della Consulta, qualunque essa sia”, così Marco Cappato dopo l’udienza alla Consulta in cui si è discusso il caso Dj Fabo. “Ho aiutato Fabiano perché l’ho ritenuto un dovere morale”, continua, “ora sapremo se può essere riconosciuto come un diritto”. “Il Parlamento si è dimostrato inadeguato perché i capi dei partiti hanno impedito ai parlamentari di poter decidere su una materia dove non vale la disciplina e non vale la logica di fazione e di rissa”, dice Cappato in riferimento agli 11 mesi di tempo avuti per legiferare a riguardo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Non una di meno, flashmob “contro narrazione tossica dei giornali”: “Alimentano la cultura della violenza”. Odg: “È una patologia del sistema”

next
Articolo Successivo

Eutanasia, udienza alla Consulta. Cappato: “Al centro c’è la libertà”. Avvocato Stato: “Serve disciplina generale”

next