Sbocciata politicamente in Forza Italia. Transfuga nel Nuovo centrodestra al seguito di Angelino Alfano. Poi travasata in Alternativa Popolare, quindi al centro del progetto di Civica popolare che riunisce da Pier Ferdinando Casini a Giuseppe De Mita. E’ un lungo cammino partito da destra che ha come meta il centrosinistra, quello di Beatrice Lorenzin. Perché ora l’ex paladina berlusconiana – ma dal 2013 ministro delle Salute a corrente alternata nei governi Letta, Renzi e Gentiloni – approda nel Partito democratico.

Vuole “rafforzare i dem allargando il campo dei moderati“, ha detto a La Repubblica spiegando la scelta di entrare nel partito di Nicola Zingaretti. Lorenzin non nega di aver avuto “contatti diretti” anche con Matteo Renzi, ma “alla fine, dopo aver riflettuto a lungo, ho fatto la scelta a mio parere più giusta rispetto al percorso che ho fatto in questi anni”. C’entra anche magari il fatto che Civica popolare al di là del simbolo non esiste, che il Pd è pur sempre il Pd e che la creatura dell’ex premier, Italia Viva, pur se in grado di condizionare le sorti del governo M5s-Pd a livello nazionale è accreditata al massimo del 5%.

No, lo scopo è nobile: “C’è bisogno di una grande casa politica per combattere alla pari con il vero avversario di tutti noi che è Matteo Salvini e il concetto di democrazia illiberale che sta portando avanti”. E lei farà da scudo contro il pericolo. Per questo non tornerà da Silvio Berlusconi che, pure lui, non se la passa mica tanto bene: “Il Cavaliere è coalizzato con la Lega, che è antitetica rispetto al progetto di società liberale e proprio grazie a FI continua ad avere legittimazione tra i moderati”.

“Sono molto contento dell’iscrizione al PD di Beatrice Lorenzin che proviene e rappresenta culture politiche moderate e riformiste – afferma in una nota il segretario Zingaretti – Benvenuta e grazie. Una scelta che fa del Pd partito sempre più forte, plurale, aperto e inclusivo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vertice Italia Francia, Conte: “Disponibilità su sbarchi e ridistribuzione migranti”. Macron: “Penalizzare chi non partecipa”

prev
Articolo Successivo

Regionali Umbria, venerdì voto M5s su Rousseau per il “patto civico” col Pd. Intesa possibile su candidate Bastioli o Proietti

next