Dopo aver toccato già nelle passate edizioni Toscana e Sardegna, la terza edizione della sfilata di “rosse” d’epoca sta per fare il suo ingresso nella Capitale. Dal 20 al 22 settembre Ferrari porta finalmente a Roma la Cavalcade Classiche 2019. E così, le quattro ruote del Cavallino Rampante più iconiche attraverseranno la città eterna e le campagne intorno per radunare la clientela “ferrarista” in un viaggio con oltre 80 vetture in arrivo da tutto il mondo.

Tra queste la 750 Monza del ’54 o la TRC del ’57, e ancora la 275 GTB del ’64, tutte firmate da Sergio Scaglietti. Una sfilata in cui la bellezza e la storia delle quattro ruote (declinate in livree diverse) si incontrerà con quelle del paesaggio laziale e umbro. Infatti la prima giornata prevede un percorso che – grazie alla collaborazione con l’ente di Roma Capitale – si articolerà per le strade consolari romane della Flaminia, Cassia, Tiburtina, Salaria e Appia, per poi esplorare la campagna di Borgo San Pietro, Rieti e da lì fino al Monte Terminillo, per poi toccare anche il parco della Cascata delle Marmore.

Il secondo giorno, invece, direzione Todi e poi rientro nel territorio laziale con una sosta presso il Palazzo del Papi di Viterbo; la giornata di domenica vedrà sfilare ancora l’equipaggio della Cavalcade Classiche, questa volta a Frascati, Castel Gandolfo e lungo il Parco Archeologico dell’Appia antica. La parata conclusiva si svolgerà all’interno della Capitale ma, già dalle 18 del sabato pomeriggio e poi dalle 18 alle 20.30 della domenica stessa, tutte le vetture saranno “esposte” nel parco di Villa Borghese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

FCA, a Pomigliano d’Arco un miliardo di euro per Alfa Romeo Tonale e Fiat Panda ibrida

prev
Articolo Successivo

Milano e Monza, tutto quel che c’è da sapere sul dopo-Torino del salone auto all’aperto

next