L’operazione “Supermarket” ha portato gli inquirenti a smascherare un giro di droga in corso tra le piazze di Gela (Caltanissetta) e le città di Vittoria, Palermo e Catania, da dove arrivavano hashish e marijuana. Tre persone sono state arrestate, una in carcere e due ai domiciliari. L’indagine è partita da una segnalazione del 26 maggio 2018 su “You Pol”, l’app che permette di denunciare in forma anonima atti di bullismo e spaccio in tempo reale: gli utenti avevano descritto una fiorente attività di commercio di droga nei pressi di via Abela.

Le forze dell’ordine hanno eseguito l’ordinanza cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Gela, su richiesta della Procura, che prevede la custodia cautelare in carcere per Benito Peritore, 44 anni, e i domiciliari per Alberto Drogo, 34 anni di Vittoria, e Michael Caci, 20 anni di Gela. Tutti e tre – con precedenti in materia – devono rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti continuato in concorso.

Secondo i media locali, l’attività di spaccio avveniva dal balcone di casa di uno degli arrestati, che distribuiva le dosi preconfezionate di hashish e marijuana calandole in strada con un paniere. Capo dell’operazione sarebbe stato Peritore, che era già finito in carcere il 9 ottobre del 2018, giorno in cui erano stati sequestrati circa 950 grammi di hashish e un bilancino di precisione. Stessa sorte nello stesso giorno per Alberto Drogo, trovato in possesso di circa 130 grammi di marijuana.

“È la prima volta in assoluto che un’indagine del genere parte dopo una segnalazione virtuale” ha detto il questore di Caltanissetta Giovanni Signer (lo si legge sui giornali locali) “L’app consente di mantenere sempre l’anonimato, chi ci ha segnalato questa vicenda rimarrà sconosciuto e non potrà essere nemmeno convocato per testimoniare. L’omertà purtroppo è ancora molto diffusa e un sistema di questo tipo diventa fondamentale».

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nuoro, tentata violenza sessuale durante la “Notte Bianca”. Indagini in corso per trovare l’aggressore

next
Articolo Successivo

Lampedusa, sbarcano 102 migranti. Sindacato polizia Sap: “Il sistema è in tilt. Arrivati in 570 solo a settembre”

next