“Il corpo del bambino mostrava segni di violenza”. La nota della Procura di Bolzano evidenzia quanto è stato rilevato sul cadavere di un neonato trovato morto nella scarpata di una stradina, in questa stagione molto frequenta, a Lana di Sopra, nei pressi di Merano. Il piccolo, si legge nel comunicato diffuso dopo aver disposto l’autopsia sul piccolo, era “nascosto in un cespuglio” ed è stato scoperto ieri da “una turista tedesca, mentre passeggiava con il cane”. La testa era avvolta in un panno, legato più volte intorno al collo e al corpicino era ancora attaccato il cordone ombelicale. La turista ha avvisato i carabinieri e sono state avviate immediatamente le indagini. “Sono in corso ulteriori accertamenti per una più approfondita ricostruzione dei fatti”, hanno concluso i pm.

Il ritrovamento è avvenuto nei pressi del maso-trattoria Glögglkeller, sopra Lana, una zona molto frequentata in questa stagione dai turisti. Chi ha avvistato il corpo sotto al cespuglio ha avvisato un contadino che si trovava poco lontano che si è avvicinato al cadavere. “Due turisti, dopo essersi fermati nel nostro locale, – racconta il contadino Oswald Verdorfer – hanno proseguito con il loro cane per la strada. Dopo pochi metri la donna ha notato qualcosa in un cespuglio e scoperto che si trattava di un bambino. A questo punto mi hanno chiamato, non mi è rimasto altro che allertare il 112”. È così partito l’allarme e sul posto sono intervenuti la Croce bianca con il medico d’urgenza e i carabinieri, ma – così il medico – il bebè era morto da alcune ore. Si tratterebbe di un maschietto di carnagione chiara. “Il piccolo era nudo, ma pulito, un maschietto. Io non me la sono sentita di guardare, ero sotto shock. Il turista invece ha controllato il polso e ha detto che il corpicino era freddo”. Verdorfer non si sa dare una spiegazione: “Io non so proprio chi possa avere fatto questo. E’ una vera tragedia”. Secondo il giornale Dolomiten il piccolo è stato strangolato con il panno usato per coprire la testolina. La procura di Bolzano ha aperto un’inchiesta per risalire al responsabile del gesto.

(immagine d’archivio)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Messina, nasconde a quattro donne di avere l’Hiv: la sua ex compagna muore. Arrestato

next
Articolo Successivo

Messina, rapinano e violentano una donna di 90 anni. Arrestati due giovani di 17 e 14 anni

next