In panchina c’era Sarri, al suo esordio con la Juve in campionato. Ma in campo i bianconeri hanno ricordato molto di più la squadra di Massimiliano Allegri. Saranno stati gli infortuni in serie (fuori Douglas Costa e Pjanic nel primo tempo per noie muscolari), sarà stata la grande prestazione della Fiorentina di Montella, fatto sta che per la Juve è arrivato il primo stop in campionato dopo le due vittorie in altrettante giornate. Lo zero a zero in fin dei conti è un risultato giusto, frutto di un match che ha visto la Fiorentina predominare per lunghi tratti in termini di possesso palla, ma senza mettere davvero in difficoltà la retroguardia bianconera, che ha rischiato più per proprie disattenzioni che per meriti altrui. Allo stesso tempo, però, gli uomini di Sarri non sono riusciti a imporre il gioco predicato dal tecnico toscano, con le uniche palle gol arrivate al termine di ripartenze.

Insomma: il gioco sontuoso che ha fatto conoscere Sarri al mondo è ancora lontano e anche per questo motivo quello conquistato a Firenze è un punto d’oro per i bianconeri. Al Franchi, infatti, si è vista davvero un ottima Fiorentina. Montella era costretto a vendicare le due precedenti sconfitte e per mettere in difficoltà i campioni d’Italia ha messo in campo una squadra molto aggressiva, in grado di pressare la Juve a tutto campo e di provare a vincere con qualche giocata dei suoi talenti. Obiettivo riuscito per metà: Juve neutralizzata, ma attacco abbastanza spuntato. C’è tempo di migliorare. Con una certezza: al Franchi non sarà facile per nessuno fare punti. In casa bianconera, invece, c’è apprensione in vista della Champions. Mercoledì c’è la sfida in Spagna contro l’Atletico Madrid: tutte da valutare le condizioni di Douglas Costa, Pjanic e anche quelle di Danilo, tutti usciti anzitempo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aurelio De Laurentiis e i 15 anni alla guida del Napoli: dal fallimento all’olimpo del calcio, con bilanci in attivo (ma pochi trofei)

prev
Articolo Successivo

Inter da sola in vetta, prime schermaglie tra Sarri e Conte: “A Firenze troppo caldo”. “Stia sereno, ora è dalla parte del più forte”

next