Incendio in un’azienda del nucleo industriale di Avellino, la Igs, che produce contenitori in plastica per batterie automobilistiche. Le fiamme sono divampate poco dopo le 13.30 nel piazzale esterno all’azienda dove erano state stoccate le produzioni. Non ci sono notizie di feriti o intossicati, il rogo è sotto controllo, ormai quasi spento, ma preoccupa l’alta nube tossica che si è diffusa sull’intera area, isolata dalle forze dell’ordine. Il prefetto di Avellino, Maria Tirone, ha convocato il Centro coordinamento soccorsi per fronteggiare eventuali emergenze provocate dall’inquinamento e ha dichiarato lo stato di emergenza. I cittadini del capoluogo di provincia e dei comuni limitrofi sono stati invitati a tenere porte e finestre chiuse e a evitare, se non in caso di necessità, di uscire di casa. Un’ordinanza ha disposto per domani, sabato, la chiusura delle scuole. “Al momento non abbiamo dati sull’inquinamento, l’Arpac ce li fornirà domani. In via precauzionale consigliamo ai cittadini di non aprire le finestre ed evitare di uscire, ma ripeto sono misure precauzionali in attesa dei dati dell’Arpac”, spiega il sindaco di Avellino, Gianluca Festa, al termine del summit in Prefettura dove si è riunito il centro coordinamento soccorsi.

L’alta nube nera ha invaso tutta la città di Avellino, mentre circa un centinaio di Vigili del Fuoco lavorano per circoscrivere e spegnere le fiamme. Uno di loro è rimasto vittima di un leggero malore da cui si è ripreso subito dopo l’intervento dei sanitari. Sono state evacuate a titolo precauzionale le aziende vicine e particolari misure di sicurezza sono state adottate per impedire che le fiamme si possano propagare a una stazione di servizio carburanti che si trova a poche decine di metri dall’Igs. Sul posto anche i tecnici dell’Arpac per valutare le sostanze tossiche rilasciate nell’aria e nell’ambiente circostante. Il Comune di Avellino sta valutando anche l’ipotesi di chiudere le scuole per la giornata di domani, sabato 14 settembre.

Irpiniambiente comunica che le attività dell’impianto Stir sono state sospese a partire dalle ore 14. Pertanto potrebbero esserci conseguenze sul servizio di raccolta dei rifiuti con inevitabili ritardi. Irpiniambiente, inoltre, ha fornito piena disponibilità e supporto ai vigili del fuoco operanti in zona, accordando, ovviamente, l’utilizzo dell’acqua nelle vasche Stir e all’uso dei cannoni per l’irrorazione delle sostanze schiumogene estinguenti, in dotazione all’impianto. La società “si scusa per i disagi che potrebbero verificarsi per le raccolte pomeridiane o eventualmente nella giornata di domani, ma ritiene prioritario garantire l’incolumità ai dipendenti e fornire supporto ai vigili del fuoco, impegnati nelle operazioni di spegnimento dell’incendio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, rifiuta di affittare casa alla ragazza meridionale: “Io salviniana, razzista al 100%. Ciò che conta è la sua carta d’identità”. L’audio

next
Articolo Successivo

Incendio Avellino, il piazzale dell’azienda va a fuoco: in cielo un’alta nube nera. Le immagini

next