L’Italia è ancora nell’occhio del ciclone dei cyber attacchi. Quanto ad attacchi da parte di malware e ransomware, il paese si classifica rispettivamente quarto e dodicesimo a livello mondiale. Il dato, che si legge nella relazione sulla sicurezza “Evasive Threats, Pervasive Effects” redatta da Trend Micro Research, si riferisce al primo semestre di quest’anno.

Per certi versi la situazione è migliorata, nel senso che nel caso dei ransomware l’Italia aveva tristemente detenuto il primato di attacchi europeo per tutto il 2018, ora è slittata in seconda posizione. I dati tuttavia non sono tranquillizzanti: nel periodo in esame il Belpaese ha subito una percentuale di attacchi ransomware pari all’1,96%. Analizzando i malware (che si riconfermano per l’ennesima volta il veicolo principale d’attacco) intercettati in Italia se ne conteggiano 9.336.995, che ci classificano appunto quarti, alle spalle di Stati Uniti, Giappone e Francia.

Foto: Depositphotos
Foto: Depositphotos

La maggior parte delle minacce arriva via mail: fra gennaio e giugno 2019 ne sono state intercettate 225.602.240 in Italia, contro 3.886.272 indirizzi web malevoli visitati. I numeri delle app infette che sono state installate è più basso ma desta preoccupazione: 12.660, contro le 10.662 della prima metà del 2018.

A livello globale, i dati di TrendMicro Research mostrano un innalzamento degli attacchi fileless (+265%), che non fanno uso di file per infettare il sistema, quindi sono più subdoli e difficili da intercettare. Dato che sfruttano le falle nel sistema e nelle applicazioni installate, è tassativo tenere sempre tutti i software aggiornati all’ultima versione e rimuovere quelli non più supportati. Da aggiornare sono anche i programmi di gestione delle apparecchiature di rete, considerato che i router coinvolti in possibili attacchi sono cresciuti del 64%.

Foto: Depositphotos
Foto: Depositphotos

L’ultima nota riguarda la recrudescenza degli schemi di digital extorsion (i virus con riscatto), le soluzioni malevole che chiedono il pagamento di un ricatto in denaro per restituire all’utente file rubati o resi illeggibili. Nel periodo in esame questa perfida tecnica ha registrato un +319%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sensori indossabili economici per analizzare il sudore in tempo reale

prev
Articolo Successivo

Polaroid Lab stampa in mobilità le foto dallo smartphone senza impiegare cavi

next