Nell’era delle smart TV, anche il televisore del soggiorno avrà bisogno dell’antivirus. Il TV connesso a Internet è una comodità: i servizi in streaming abbondano, i prezzi sono accessibili, e soprattutto si possono far partire i programmi in qualsiasi momento. Il problema è che un dispositivo collegato a Internet è potenzialmente a rischio. Se nel TV sono memorizzati (per esempio) le credenziali di accesso a un servizio, un hacker potrebbe rubarle. Qualora il dispositivo fosse dotato di webcam o microfono, sarebbe potenzialmente possibile spiare ciò che avviene nella stanza in cui è installato.

Sebbene i rischi sulla carta esistano, e molti esperti di sicurezza li abbiano sottolineati in più occasioni, è doveroso sottolineare che il pericolo concreto che si verifichi quanto detto sopra è al momento piuttosto remoto.

Foto: Depositphotos

 

Samsung però ha annunciato che sulle sue smart TV prodotte nel 2019 sarà preinstallato per default l’antivirus McAfee Security fatto apposta per le TV. Nel comunicato ufficiale si legge che l’azienda è così impegnata nella salvaguardia della sicurezza da avere voluto essere la prima a predisporre una soluzione per la sicurezza sulle smart TV.

L’antivirus funziona esattamente come la versione per smartphone o PC: analizza le app presenti sulla smart TV, identifica e rimuove eventuali virus e malware. Il software McAfee al momento è compatibile solo con le smart TV Samsung. Chi ha un modello vecchio, sappia che può installarlo anche se non era presente al momento dell’acquisto. L’unico requisito richiesto è che il TV abbia installato il sistema operativo Tizen 3.0, presente su molti dei modelli commercializzati dal 2016 in poi.

Sarà davvero utile, o è un’abile mossa di marketing? La risposta probabilmente arriverà se e quando si verificherà un attacco reale ai danni delle smart TV. Fino ad allora quella di Samsung è una cautela in più perché si sa, è meglio prevenire che curare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La mano robotica impara da sola a manipolare gli oggetti grazie all’Intelligenza Artificiale

prev
Articolo Successivo

I cinque migliori smartphone del Mobile World Congress 2019

next