“Solitamente entravo al ministero la mattina alle 8 e uscivo la sera alle 21. Senza pausa pranzo, per una questione di vanità: io da vent’anni non pranzo mai. E quindi è stato un gigantesco scombussolamento, perché non erano abituati a quel tipo di presenza. Devo dire però che in quello scombussolamento una persona ha tenuto sempre la barra dritta e quella persona è l’attuale ministro dell’Interno. Una persona di grandissimo valore. Dopo un periodo un po’ difficile il ministero dell’Interno è tornato in buone mani”. Così l’ex ministro dell’Interno Marco Minniti alla Festa dell’Unità di Milano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Genova, ucciso durante il Tso. La madre di Jefferson Tomalà alla vigilia dell’udienza preliminare: “L’agente venga rinviato a giudizio”

next
Articolo Successivo

Stalking, cambia città e vita ma lui la ritrova a causa di una mail inviata per errore da gestore energia

next