“Ricevo valanghe di minacce, anche di morte. Ne risponderà, il signor Salvini. Ovviamente in Tribunale”. Il caporedattore di Rai Radio1, Fabio Sanfilippo, con un altro post su Facebook annuncia che denuncerà l’ex ministro dell’Interno, Matteo Salvini, dopo le polemiche scatenate da un altro suo post del 4 settembre scorso in cui ha attaccato duramente il leader della Lega. La Rai sta valutando un provvedimento disciplinare, probabilmente una sospensione cautelativa. “Non contento di avermi invitato a spararmi e essersi permesso di dire che la mia bimba doveva essere seguita da ‘persone qualificate’, adesso… mi denuncia! Ma questo ‘signore’, dipendente pubblico peraltro, ci fa o ci è?!?”, ha replicato Salvini.

Il leader del Carroccio ha più volte risposto al post di Sanfilippo, in televisione e durante i comizi. “La reazione scomposta del signor Salvini e dei suoi dimostra che il mio personale e iperbolico post, al netto della caduta di stile sul citare la figlia di cui ho fatto peraltro pubblica ammenda, deve aver toccato nervi scoperti“, scrive il giornalista su Facebook. “Egli continua a insultarmi – prosegue Sanfilippo – incitando i suoi all’odio nei miei confronti”.

Il giornalista, criticato da membri di diverse formazioni politiche, oltre che da dirigenti aziendali e membri della Vigilanza, ha spiegato nei giorni scorsi che ripubblicherebbe la “missiva”, come lui stesso l’ha definita, sul suo profilo Facebook. “Riscriveresti il post? Mi è stato chiesto. Sì, ometterei la frase sulla figlia, è stata oggettivamente una caduta di stile – si legge in un altro messaggio sul social network – Il post che ho pubblicato sul mio profilo PRIVATO di Facebook il 4 settembre NON contiene alcun invito al suicidio del capo politico della Lega. È la constatazione di un fatto: che Salvini si è politicamente ‘fatto fuori’ da solo“, ha spiegato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elisa Pomarelli, le parole della stampa sono un atto politico. Una dichiarazione di guerra

prev
Articolo Successivo

Battaglia contro il clima, ovvero quando si dibatte sul nulla

next