Impediva alle figlie femmine di avere amiche, obbligava la moglie ad allacciargli e slacciargli le scarpe ogni giorno, le proibiva di lavorare.

Una quotidianità fatta di percosse, minacce e umiliazioni: questo il quadro di violenza domestica che ha portato i carabinieri a denunciare per atti persecutori un operaio 48enne di Abbadia San Salvatore, in provincia di Siena. Non avrebbe neanche fornito i mezzi di sussistenza necessari per i figli. Un comportamento reiterato che ha esasperato la moglie 42enne spingendola a chiedere aiuto alle forze dell’ordine.

L’uomo è un operaio di origini rumene, residente da tempo ad Abbadia. Per lui è stata anche richiesta all’autorità giudiziaria una misura che gli vieti di avvicinarsi in futuro a moglie e figli, al momento trasferiti in una località protetta in attesa di essere accolti in casa famiglia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brexit, Boris Johnson espelle il nipote di Winston Churchill dai Tories

prev
Articolo Successivo

Torino. Evento su sette religiose in università, vittime non invitate: “Contro chi ha sofferto”. Organizzatori: “Bastava iscriversi”

next