Il confronto rispetto alle Europee del 26 maggio scorso dice che la Lega è in calo, il M5S in recupero e il Pd resta stabile. Così l’Istituto Ixè riassume i dati raccolti per Cartabianca dall’Osservatorio politico nazionale tra il 2 e il 3 settembre. Il Carroccio resta primo partito con il 30,1% dei consensi, ma perde 4 punti rispetto al risultato raccolto da Matteo Salvini alle ultime elezioni (34,3%). Al contrario i Cinquestelle recuperano oltre 5 punti rispetto al disastroso 17,1% delle Europee e sono stimati al 22,3%, vicini al consenso attribuito ai democratici: 23% (rispetto al 22,7 del 26 maggio). Un sondaggio che conferma il trend già segnalato dagli ultimi giorni: tutti concordano nello stimare una forte perdita di consensi del Carroccio, di cui beneficia in modo particolare il M5s, trascinato dall’elevato gradimento di cui gode tra i cittadini il premier Giuseppe Conte.

In particolare, secondo la rilevazione di Ixè, il presidente del Consiglio gode della fiducia del 48% degli italiani: un valore in linea con la serie storica, a dimostrazione che la crisi di governo non ha scalfito la figura di Conte agli occhi dei cittadini. Il gradimento è molto elevato tra gli elettori Cinquestelle (72%), ma supera la maggioranza anche tra gli elettori del Pd, toccando quota 54%. Una dato corroborato dal sondaggio di Swg per il Tg La7, pubblicato ieri, secondo cui la decisione di affidare l’incarico di formare il governo Pd-M5s a Conte è ritenuta “inaccettabile” solo dal 7% dei democratici.

Nel suo sondaggio per Cartabianca, Ixè ha anche chiesto agli intervistati la loro aspettativa sulla durata del governo: solo per uno su 4 di loro farà fatica ad arrivare a Natale, mentre un altro 23% ritiene che durerà fino al 2020. I più ottimisti sono al 15%: coloro che ritengono che il Conte 2 arriverà fino al termine della legislatura (2023), mentre una percentuale simile ritiene che durerà almeno fino all’elezione del prossimo Presidente della Repubblica. La fiducia in un governo di legislatura aumenta tra gli elettori M5s e Pd.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Zingaretti, il Montalbano politico che ci mancava (e che ci lascia ben sperare)

prev
Articolo Successivo

Governo M5s-Pd, ho letto il programma e finalmente sono felice

next