“Non ci interessano le poltrone, ma discutiamo dei temi: ambiente, famiglia, riduzione del cuneo fiscale, famiglia, bisogna evitare l’aumento dell’Iva”. A rivendicarlo i due capigruppo del M5s Stefano Patuanelli e Francesco D’Uva, nel corso di una conferenza stampa alla Camera, nel giorno nel nuovo incarico affidato a Giuseppe Conte, nella nuova cornice della maggioranza Pd-Movimento 5 Stelle. Ma se i pentastellati evitano di affrontare il nodo ancora irrisolto della vicepresidenza del Consiglio, contrari al vecchio schema e non disponibili ad affidare quel ruolo a Di Maio, le divisioni restano anche sui temi, a partire dalla questione immigrazione: “Se siamo disponibili ad abolire i decreti Sicurezza, come ha chiesto il Pd e come rivendica anche il prefetto Morcone (nome evocato per il Viminale, ndr)? “Ci sono i rilievi fatti dal Capo dello Stato che non possono essere ignorati, si può lavorare su quello”, taglia corto il capogruppo del M5S alla Camera, Francesco D’Uva. Altro discorso resta l’abolizione dei due decreti, rispetto alla quale i 5 Stelle non sembrano volersi spingere: “Intanto si parte dai rilievi”, ha concluso

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nella crisi più pazza del mondo nessuno pensa alle donne. Sarà perché non ce ne sono?

next
Articolo Successivo

Governo, Cuperlo: “Discorso di Conte? Affinità con parole di Zingaretti. Ora vicepremier sia Pd”

next