È stata trovata all’alba priva di sensi e con ustioni sul 90% corpo nella prima periferia di Bologna. La donna, soccorsa questa mattina in via Marchioni, in zona Barca, è una 60enne di origine marocchina, da 14 anni residente a Bologna. E l’ipotesi che prevale è quella di un tentativo di suicidio: da qualche tempo, infatti, soffre di una forte depressione per motivi familiari.

Sono però ancora in accertamento le modalità con cui si sarebbe data fuoco. Quando è stata trovata, in un giardinetto vicino alla casa dove abita con la figlia, indossava abiti bruciati ed era senza scarpe. Gli agenti stanno visionando i filmati di telecamere della zona, di ricostruire cosa sia accaduto e se siano coinvolte altre persone. Non è ancora chiaro se il fuoco che l’ha ridotta in fin di vita sia stato appiccato nel luogo del ritrovamento o altrove.

Soccorsa subito dopo l’allarme lanciato da un passante intorno alle 6.30 di giovedì mattina, è stata soccorsa da 118 e Polizia, portata d’urgenza all’ospedale Maggiore e poi trasferita al Centro Ustionati del Bufalini di Cesena, dove è ricoverata in prognosi riservata, in condizioni giudicate disperate.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, la prefettura frena gli sgomberi. L’assessore regionale Valeriani: “Col nuovo scenario politico c’è un cambio di sensibilità”

prev
Articolo Successivo

Achille Silvestrini morto, il dialogo col blocco sovietico e quello tra le sponde del Tevere: chi era il cardinale che fu “ministro degli Esteri”

next