Hanno aggredito diversi coetanei con lo scopo di rapinarli. Per questo tre minorenni, di 15, 16 e 17 anni, di Bologna sono stati arrestati e condotti in carcere con l’accusa di concorso in rapina aggravata e lesioni. I fatti sono avvenuti tra la fine di giugno e l’inizio di luglio. La baby gang è stata individuata grazie a delle attente indagini dei carabinieri.

Secondo le ricostruzioni, l’aggressione più violenta risalirebbe allo scorso 4 luglio quando il gruppo ha preso di mira uno studente bolognese di 17 anni, rapinandolo su un bus della linea 21 mentre andava a fare un tirocinio scolastico. I tre lo hanno circondato, minacciandolo con un coltello, prendendolo a pugni in faccia e fratturandogli uno zigomo, con lo scopo di rubargli zaino, telefonino e cuffie wireless.

Non si tratterebbe, comunque, di un episodio isolato, anche se le modalità di azione rimangono sempre le stesse. Secondo i carabinieri, infatti, la baby gang sarebbe responsabile di altre tre aggressioni avvenute a fine giugno tra i giardini Margherita, via San Vitale e via Marzabotto ai danni di due coetanei e un maggiorenne. Tutti hanno già dei precedenti: uno a fine luglio era stato arrestato allontanandosi poi dalla comunità di recupero alla quale era stato affidato. In due, inoltre, erano già stati coinvolti in un’indagine su una banda accusata di una serie di rapine a giovani e anziani in zona San Donato. Il più piccolo, però, aveva meno di 14enne e non era quindi imputabile.

Oggi i tre, grazie alle testimonianze, alle denunce delle vittime e all’aiuto delle telecamere di videosorveglianza, si trovano nel carcere minorile del Pratello, su ordinanza del Tribunale dei minori e saranno presto sentiti dai magistrati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Palermo, un sub morto e uno disperso: erano immersi vicino a Isola delle Femmine

prev
Articolo Successivo

Open Arms, gip convalida sequestro ma la nave può tornare in mare: “Migranti trattenuti contro volontà, ma l’ong non è responsabile”

next