Spero che Conte resti premier“. Così, con uno dei suoi consueti tweet, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha lanciato il suo endorsement al presidente del Consiglio dei Ministri italiano. Il tycoon americano nel cinguettio ha lodato “l’altamente rispettato primo ministro della repubblica italiana, Giuseppi Conte”, sbagliando inizialmente il nome.

“Ha rappresentato l’Italia in modo energico al G7. Ama il suo Paese grandemente e lavora bene con gli Usa. Un uomo molto talentuoso che spero resti primo ministro!”, si legge ancora nel post che apre quindi a un Conte bis. Trump ha poi corretto il nome del premier, che in passato aveva già chiamato Giuseppi. Immediata la reazione del ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Trump tifa per Conte? Sono in silenzio stampa”. Anche lo stesso Conte ha poi commentato l’apprezzamento di Trump. A rendere particolarmente orgoglioso il Premier è stato il riconoscimento di agire sempre con la massima determinazione nel difendere l’interesse nazionale, pur essendo leale nei confronti di tutti i partner.

Non è la prima gaffe del presidente statunitense che solo pochi giorni fa, esprimendo il suo entusiasmo dopo il pranzo con il presidente francese al G7, sempre su Twitter ha citato un account fake del capo dell’Eliseo: EmanuelMacrone.

Quello scritto da Trump è il secondo complimento ricevuto oggi da Giuseppe Conte da parte di statunitensi. Il primo è arrivato questa mattina, sempre via Twitter, dall’imprenditore Bill Gates, che ha ringraziato pubblicamente il premier per aver deciso di impegnare l’Italia nella lotta contro l’Aids, contribuendo con 161 milioni di euro da investire nei prossimi tre anni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Beppe Grillo si presenta come Mosè che apre le acque: “Ho incontrato Dio. Mi ha detto di lasciare che la Babele si scateni”

next
Articolo Successivo

Crisi, Marcucci: “Di Maio vicepremier? Impossibile”. Poi prova a correggere: “Non lo so”

next