Era in coma da 31 anni, da quando l’auto su cui era a bordo uscì di strada lungo la A22 del Brennero. È morto venerdì, all’età di 54 anni, al cospetto degli anziani genitori che gli hanno dedicato la vita. Ignazio Okamoto, madre bresciana e padre messicano ma di origini giapponesi, ha passato più di metà della sua vita in stato vegetativo. Dal 19 marzo 1988, quando all’età di 23 anni è rimasto gravemente ferito in un incidente stradale. A perdere la vita, quella notte, fu il suo migliore amico, Nicola Luigi Mori. Lui invece è rimasto attaccato a una macchina, immobile, per i tre decenni successivi.

Cito, come era soprannominato, è stato accudito sin dall’inizio dalla madre Marina e dal padre Hector. “Mio marito ha lasciato il lavoro e per 31 anni ha seguito in casa mostro figlio – ha spiegato la madre al Giornale di Brescia che ha raccontato la vicenda – Per tutto questo tempo ci siamo isolati dal mondo“. Dopo due anni in una struttura ospedaliera, come spiegano i media locali, il giovane fu infatti portato nella sua abitazione a Collebeato, casa dalla quale non è mai più uscito. A volte è capitato che dagli occhi di Ignazio scendessero delle lacrime, facendo sperare nel miracolo, che non è mai avvenuto.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Violenza sulle donne, il vicesindaco scherza sullo stupro. Ma non fa ridere per niente

next
Articolo Successivo

Napoli, detenuto per omicidio evade dal carcere di Poggioreale usando una corda di lenzuola: è la prima volta che accade in 100 anni

next