Il pm di Milano Piero Basilone ha presentato ricorso in appello contro le assoluzioni di 4 dirigenti di Lealtà azione, tra cui uno dei leader dell’associazione di estrema destra, Fausto Marchetti, decise dal Tribunale di Milano a fine aprile nel processo con rito abbreviato. I quattro estremisti erano imputati per una manifestazione del 25 aprile 2016 con saluti romani al campo X del cimitero Maggiore di Milano dove sono sepolti i caduti della Repubblica Sociale, ma erano stati assolti. Il pm Basilone, che ora ha presentato ricorso dopo la deposizione delle motivazioni, aveva invece chiesto 4 condanne a 3 mesi. Si era trattato della manifestazione che nei giorni del 24 e 25 aprile, mentre l’Italia festeggiava la Liberazione, ha visto militanti di estrema destra radunarsi al cimitero milanese dove sono sepolti 1400 caduti di Salò.

Le “manifestazioni, certamente con indubbia simbologia fascista“, ha scritto il giudice dell’ottava corte penale, Alberto Nosenzo, nelle motivazioni dell’assoluzione depositate a fine giugno, erano “esclusivamente dirette alla commemorazione dei defunti” e non avevano “finalità di restaurazione fascista”, anche perché mancava “il requisito del pericolo concreto”. Il giudice ha anche riqualificato il reato da “manifestazione discriminatoria” previsto dalla Legge Mancino in “manifestazione fascista” previsto dalla Legge Scelba, prima di assolvere gli imputati.

Nosenzo, inoltre, citando giurisprudenza sia della Consulta che della Cassazione, ha sostenuto che le “manifestazioni fasciste” punite dalla legge Scelba devono essere “circoscritte a quelle che si traducono in comportamenti di spiccata valenza ideologica concretamente idonei e prodromici rispetto alla riorganizzazione del disciolto partito fascista”. La manifestazione a cui hanno preso parte gli imputati al cimitero Maggiore, invece, secondo il giudice, non ha “travalicato il ristretto ambito della commemorazione dei defunti, non assumendo così connotati di pericolo concreto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Firenze, Carabinieri sequestrano l’emittente Radio Studio 54. Tribunale: “Odio razziale ed etnico nei confronti degli extracomunitari”

prev
Articolo Successivo

Como, maxi truffa all’Unione europea sui fondi per il mantenimento dei pascoli: 98 indagati

next