La terra trema ancora. Nella notte tra sabato e domenica sono state due le scosse che si sono registrate in Italia, una al largo delle Eolie, di magnitudo 3.5, e una in provincia di Forlì-Cesena, di 3.6 gradi della scala Richter. In entrambi i casi non si segnalano danni a persone o cose, ma solo tanta paura.

Secondo quanto rilevato dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, la scossa in Romagna è stata registrata alle 00.01, non lontano dal confine con la Toscana. Il sisma ha avuto un ipocentro a 7 chilometri di profondità ed epicentro a 7 chilometri dal comune di Premilcuore. Ieri nella stessa zona erano state già registrate alcune scosse, la più forte delle quali di magnitudo 3.7 alle 18:52.

La terra al largo delle isole Eolie, invece, ha tremato alle 23,35. Secondo i rilevamenti dell’Ingv l’ipocentro del sisma era a 291 chilometri di profondità, con un epicentro a 10 chilometri di distanza da Malfa e da Leni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diamante, il sindaco Ernesto Magorno (Pd) si beve un bicchiere d’acqua di mare: “Inquinato? Così i chiacchieroni la finiranno di denigrarci”

prev
Articolo Successivo

Sora, parroco anti-migranti fa mezzo passo indietro: “Mie parole ingigantite, aiuto tanti immigrati. Se necessario, scuse pronte”

next