Violentata e seviziata per dieci anni, anche da venti persone contemporaneamente. Cinque persone sono state arrestate dalla polizia di Cosenza e sono accusate a vario titolo di violenza sessuale di gruppo ed estorsione. L’ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dal gip su richiesta della Procura di Castrovillari. Le indagini, riferiscono gli investigatori, sono iniziate dopo che la vittima, una donna albanese, ha avuto il coraggio di denunciare e raccontare le violenze subite e hanno consentito di fare luce sulla “squallida vicenda” avvenuta nella cittadina di Corigliano Rossano.

“Tutto è cominciato da una relazione sentimentale extraconiugale – ha riferito all’agenzia Adnkronos Cataldo Pignataro, dirigente del Commissariato di Corigliano Rossano – tra la donna albanese ed un uomo, che con il passare del tempo si è trasformata in un vero e proprio incubo. Una relazione sentimentale trasformatasi in 10 anni di sevizi e violenze con incontri e prestazioni sessuali con altri uomini che si sono appunto protratti nel tempo: sono arrivati a violentare la vittima anche in 20 contemporaneamente. E nella casa dove avvenivano le sevizie sono stati trovati anche strumenti per pratiche sadomaso”. Le indagini, che dal momento della denuncia all’arresto sono durate sette giorni, sono state coordinate dalla Procuratore capo di Castrovillari, Eugenio Facciolla e dal sostituto procuratore Mauron Gallone che hanno portato anche al ritrovamento, grazie al racconto della donna, di una piantagione di marijuana.

La vittima sarebbe stata costretta anche a prostituirsi e in più occasioni la donna è stata costretta a ricorrere alle cure dei medici di un ospedale romano, per giustificare con i familiari, all’oscuro di tutto, una non meglio specificata malattia che gli provocava segni evidenti sul corpo. La donna ha sempre taciuto per paura per la sorte del marito e del figlio che all’inizio della vicenda aveva 5 anni. I suoi aguzzini, infatti, le avrebbero intimato di tacere minacciando di morte i suoi familiari. Inoltre, gli arrestati le avrebbero estorto somme di denaro dietro la minaccia di divulgare dei filmati che la ritraevano in atteggiamenti sessuali espliciti. Il 5 agosto scorso, però, la donna, esasperata, si è rivolta agli agenti del Commissariato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ponte Morandi un anno dopo, il video-racconto dal crollo alla demolizione tra attese e promesse

prev
Articolo Successivo

Ponte Morandi, cerimonia a 1 anno dal crollo. La protesta delle famiglie delle vittime allontana i manager di Autostrade e Atlantia

next