Era il 7 dicembre dello scorso anno e il ministro dell’Interno Matteo Salvini, ospite di Andrea Scanzi e di Luca Sommi nel talk “Accordi&disaccordi”, su Nove, assicurò il giornalista de Il Fatto Quotidiano, che gli chiedeva se non fosse più opportuno staccare già da allora la spina al governo coi 5 Stelle e tornare con Berlusconi e Meloni, visto che i sondaggi per il capo del Carroccio erano più che rosei.

“Ho tanti difetti – esordì Salvini – ma se comincio una cosa, io quella cosa la faccio, costi quello che costi. Non è che Matteo, dopo sei mesi, si è divertito a fare il ministro e, siccome i sondaggi lo danno al 30%, stacca la spina al governo. No.”.

E a Scanzi risponde, sorridendo: “Ho preso un impegno. Cerco di essere uomo di parola. Ci sono tante cose da fare. In sei mesi miracoli non ne faccio e non li farò neanche in 5 anni, però io sono convinto che, se ci lasciano lavorare 5 anni, lasciamo una Italia migliore di come l’abbiamo trovata. Quindi, io i sondaggi non li guardo a prescindere“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Favole Forme Figure, su Loft quattro lezioni d’arte con Tomaso Montanari: Manet, Rembrandt, Banksy e l’Arco di Costantino

next
Articolo Successivo

Eretici, Tomaso Montanari torna con la seconda stagione e racconta Orwell: “Il più grande pensatore politico del ‘900”

next