Un bambino è stato travolto e ucciso da un’auto a San Ginesio, nel Maceratese. È tutto avvenuto intorno alle 19, tra Passo Sin Ginesio e Passo Sant’Angelo. La vettura era guidata da un anziano. Il bambino, 9 anni, è sceso da una macchina, sulla provinciale 78, ed è stato investito dal mezzo che stava sopraggiungendo in quel momento, una Fiat Uno. L’uomo, secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti, non si sarebbe accorto subito dell’impatto, e infatti ha trascinato il corpo del bambino per qualche metro. Quando finalmente si è reso contro, si è fermato ed è sceso dall’auto in evidente stato di choc.

Sul posto sono subito intervenuti i carabinieri di Tolentino (Macerata), gli agenti della Polizia locale e i soccorritori del 118, che hanno tentato di rianimare sul posto il ragazzino, mentre veniva allertata l’eliambulanza, che purtroppo non è servita. La vittima, la cui famiglia è originaria di San Ginesio, viveva con la madre e la sorella in Inghilterra ed era nel piccolo centro marchigiano per trascorrere qualche giorno di vacanza.

Sulla dinamica dell’incidente indagano i carabinieri di Tolentino e i militari del reparto operativo di Macerata, guidato dal maggiore Walter Fava. Sono numerosi gli incidenti stradali avvenuti nelle Marche. Nella sola giornata di sabato 10 agosto, un uomo è morto bruciato in auto dopo una carambola fra tre vetture sulla complanare nord di Senigallia (Ancona), la bretella che costeggia l’autostrada A14, mentre altre tre persone sono morte nel Piceno: un centauro di 58 anni travolto da un camion, un’anziana di 90 investita da un trenino turistico e un 28enne albanese che era a bordo di un’auto che si è schiantata contro un albero. In quest’ultimo caso, il conducente deve rispondere di omicidio stradale, essendo risultato positivo all’alcol test.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Croazia, morto il manager Eugenio Vinci: probabile intossicazione da gas di scarico della barca. Ricoverati anche i due figli

prev
Articolo Successivo

Ponte Morandi un anno dopo, il video-racconto dal crollo alla demolizione tra attese e promesse

next