Un bambino è stato travolto e ucciso da un’auto a San Ginesio, nel Maceratese. È tutto avvenuto intorno alle 19, tra Passo Sin Ginesio e Passo Sant’Angelo. La vettura era guidata da un anziano. Il bambino, 9 anni, è sceso da una macchina, sulla provinciale 78, ed è stato investito dal mezzo che stava sopraggiungendo in quel momento, una Fiat Uno. L’uomo, secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti, non si sarebbe accorto subito dell’impatto, e infatti ha trascinato il corpo del bambino per qualche metro. Quando finalmente si è reso contro, si è fermato ed è sceso dall’auto in evidente stato di choc.

Sul posto sono subito intervenuti i carabinieri di Tolentino (Macerata), gli agenti della Polizia locale e i soccorritori del 118, che hanno tentato di rianimare sul posto il ragazzino, mentre veniva allertata l’eliambulanza, che purtroppo non è servita. La vittima, la cui famiglia è originaria di San Ginesio, viveva con la madre e la sorella in Inghilterra ed era nel piccolo centro marchigiano per trascorrere qualche giorno di vacanza.

Sulla dinamica dell’incidente indagano i carabinieri di Tolentino e i militari del reparto operativo di Macerata, guidato dal maggiore Walter Fava. Sono numerosi gli incidenti stradali avvenuti nelle Marche. Nella sola giornata di sabato 10 agosto, un uomo è morto bruciato in auto dopo una carambola fra tre vetture sulla complanare nord di Senigallia (Ancona), la bretella che costeggia l’autostrada A14, mentre altre tre persone sono morte nel Piceno: un centauro di 58 anni travolto da un camion, un’anziana di 90 investita da un trenino turistico e un 28enne albanese che era a bordo di un’auto che si è schiantata contro un albero. In quest’ultimo caso, il conducente deve rispondere di omicidio stradale, essendo risultato positivo all’alcol test.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Croazia, morto il manager Eugenio Vinci: probabile intossicazione da gas di scarico della barca. Ricoverati anche i due figli

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi un anno dopo, il video-racconto dal crollo alla demolizione tra attese e promesse

next