Nel giorno in cui sempre più segnali convergono nel far pensare che la crisi di governo potrebbe risolversi con la formazione di una maggioranza alternativa e un nuovo esecutivo di legislatura, Nicola Zingaretti getta un amo al premier Giuseppe Conte. E il gancio sono i diritti umani, rappresentati dall’emergenza dei migranti a bordo delle navi ong in attesa che l’Italia e la Ue individuino una soluzione per farli sbarcare e smistarli tra Paesi disponibili ad accoglierli. Il segretario Pd ha chiesto al presidente del Consiglio di “agire con decisione” per sbloccare la situazione dei 151 “tenuti in ostaggio” sul ponte della Open Arms perché il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha vietato l’ingresso della nave in porto.

“Esistono priorità che hanno precedenza su tutto”, scrive Zingaretti in una nota. “Che vengono prima dei riflettori sempre accesi su questa o quella polemica. Da dodici giorni 151 persone sono tenute in ostaggio sul ponte della Open Arms. Tra loro donne e minori in condizioni igienico-sanitarie sempre più difficili. Tutto perché l’ennesimo braccio di ferro ingaggiato dal ministro sfiduciato e dimissionario Salvini ha bisogno del suo ennesimo palcoscenico. Faccio appello al presidente Conte affinché agisca con decisione e alla ministra Trenta per uno sbocco immediato di una soluzione divenuta insostenibile”. “Si rimetta al centro la persona umana”, continua il leader dem, “e si trovi una soluzione. Si solleciti la Commissione europea e i paesi disponibili ad accogliere una quota dei migranti. I diritti umani, a partire da quelli dei minori e delle donne, restano per noi la bussola da seguire e il primo indicatore del grado di civiltà di un paese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crisi di governo, Salvini l’ha pestata grossa: i primi sondaggi non gli sorridono

prev
Articolo Successivo

Crisi di governo, al via la seduta per votare sul calendario. Segui la diretta dal Senato

next