Monitorare gli scompensi cardiaci può migliorare sensibilmente la vita dei pazienti e ridurre il numero dei ricoveri ospedalieri. In quest’ottica Vectorious ha realizzato V-LAP, il primo microcomputer wireless per il monitoraggio cardiaco. L’azienda produttrice sta conducendo una sperimentazione clinica internazionale che coinvolge anche l’Italia. Il primo intervento è stato realizzato presso l’Università degli Studi di Firenze, il secondo al Polo di Scienze cardiovascolari e toraciche del Policlinico Gemelli.

La sperimentazione, così come l’impiego su larga scala qualora tutti i test fossero positivi, riguarda esclusivamente persone affette da insufficienza cardiaca, una patologia che solo in Italia affligge fra 600 e 750mila pazienti e rappresenta la prima causa di ricovero negli over 65. Il professore Filippo Crea, direttore del Polo di Scienze cardiovascolari e toraciche del Policlinico Gemelli IRCCS, ha spiegato che “se il trial darà risultati positivi, si tratta di un potenziale balzo in avanti nell’ambito della telemedicina e della medicina personalizzata”.

L’obiettivo di questo dispositivo è migliorare la qualità della vita di coloro che soffrono di insufficienza cardiaca e contribuire a ridurre il numero delle ospedalizzazioni. Il dispositivo è inserito nel setto interatriale (che separa le due camere cardiache chiamate atri) e consente di raccogliere e fornire con la massima rapidità dati molto accurati 24 ore su 24. Il sensore non è alimentato da batterie e può funzionare per l’intera vita del paziente. Si carica in remoto dall’esterno, e trasmette wireless le informazioni sull’attività cardiaca del paziente direttamente ai medici e all’ospedale, dove i tracciati saranno analizzati dai cardiologi.

L’intervento per il posizionamento del dispositivo è mininvasivo, a basso rischio e richiede al massimo un’ora. I dati forniti sono analizzati con Intelligenza Artificiale e machine learning così da poter intervenire su eventuali problemi in una fase precoce.

Oren Goldshtien, amministratore delegato di Vectorious, si dice sicuro che “il sistema di monitoraggio V-LAP possa rivoluzionare l’approccio al trattamento dell’insufficienza cardiaca e migliorare la condizione dei pazienti, aiutandoli ad affrontare i problemi legati all’insorgere dello scompenso”. Come precisa il professore Crea, questa tecnologia è esordiente e si dovranno condurre valutazioni accurate prima di affidarsi ai suoi dati: “V-LAP è il primo microcomputer wireless per il monitoraggio cardiaco al mondo e apre una nuova finestra di opportunità nella gestione dei pazienti scompensati; dovremo ovviamente prima dimostrarne l’efficacia e la sicurezza a lungo termine”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Per indovinare il PIN dello smartphone basta ascoltare il suono delle dita quando toccano lo schermo

prev
Articolo Successivo

Officina industriale 2.0 con i robot intelligenti capaci di collaborare e gestire eventi imprevisti

next