Quanto dovrebbe essere piccolo il vostro computer ideale? Ci sono notebook che pesano 900 grammi e hanno uno spessore di poco superiore a 1 centimetro. Se non vi basta, potete farvi la punta alle dita, indossare un binocolo e costruirvi “ThinkTiny”, quello che è già stato battezzato il ThinkPad più piccolo del mondo. A crearlo ci ha pensato Paul Klinger, un appassionato smanettone abile con l’elettronica e i cacciaviti di precisione, che ha preso spunto da uno dei notebook più iconici della storia dell’informatica e ne ha realizzato una miniatura.

Lo schermo è più piccolo di quello di uno smartwatch: misura 128 x 64 pixel, però promette una buona qualità dell’immagine dato che è fabbricato con tecnologia OLED. Funziona davvero, come tutto il resto dell’elettronica, che comprende una batteria da 300 milli Ampere per ora e un microcontroller Arduino. C’è persino una tastiera a sette righe, imitazione di quella originaria dei ThinkPad, incluso il TrackPoint.

 

Il rivestimento esterno è in plastica ed è stato realizzato con una stampante 3D dallo stesso costruttore del ThinkTiny. Potrà sembrare sorprendente, ma il computer funziona davvero: si può usare per giocare con qualche vecchio e nostalgico giochino come Tetris, Snake o Lunar Lander.

Gli schemi e tutte le indicazioni per la costruzione del ThinkTiny sono online sul sito Reddit, chi se la sente di cimentarsi troverà pane per i propri denti. Gli altri possono stupirsi guardando questo oggetto inusuale e affascinante.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ripristinare Windows 10 da cloud, a quanto pare Microsoft ci sta pensando

next
Articolo Successivo

Google Pixel 4, lo smartphone che si accende quando il proprietario si avvicina e si controlla senza toccarlo

next