Quanto dovrebbe essere piccolo il vostro computer ideale? Ci sono notebook che pesano 900 grammi e hanno uno spessore di poco superiore a 1 centimetro. Se non vi basta, potete farvi la punta alle dita, indossare un binocolo e costruirvi “ThinkTiny”, quello che è già stato battezzato il ThinkPad più piccolo del mondo. A crearlo ci ha pensato Paul Klinger, un appassionato smanettone abile con l’elettronica e i cacciaviti di precisione, che ha preso spunto da uno dei notebook più iconici della storia dell’informatica e ne ha realizzato una miniatura.

Lo schermo è più piccolo di quello di uno smartwatch: misura 128 x 64 pixel, però promette una buona qualità dell’immagine dato che è fabbricato con tecnologia OLED. Funziona davvero, come tutto il resto dell’elettronica, che comprende una batteria da 300 milli Ampere per ora e un microcontroller Arduino. C’è persino una tastiera a sette righe, imitazione di quella originaria dei ThinkPad, incluso il TrackPoint.

 

Il rivestimento esterno è in plastica ed è stato realizzato con una stampante 3D dallo stesso costruttore del ThinkTiny. Potrà sembrare sorprendente, ma il computer funziona davvero: si può usare per giocare con qualche vecchio e nostalgico giochino come Tetris, Snake o Lunar Lander.

Gli schemi e tutte le indicazioni per la costruzione del ThinkTiny sono online sul sito Reddit, chi se la sente di cimentarsi troverà pane per i propri denti. Gli altri possono stupirsi guardando questo oggetto inusuale e affascinante.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ripristinare Windows 10 da cloud, a quanto pare Microsoft ci sta pensando

prev
Articolo Successivo

Google Pixel 4, lo smartphone che si accende quando il proprietario si avvicina e si controlla senza toccarlo

next