Sono morte 62 persone e altre 70 sono rimaste ferite nell’esplosione di un’autocisterna che trasportava benzina a Morogoro, in Tanzania. Il mezzo aveva appena avuto un incidente e in molti erano accorsi sul posto per cercare di raccogliere il carburante fuoriuscito. Molti dei feriti sono ricoverati in gravi condizioni a causa della gravità delle ustioni riportate. “Temiamo che il numero delle vittime possa aumentare“, ha affermato un responsabile della polizia. Tra le vittime, “ci sono molti autisti di moto-taxi”, accorsi sul posto per raccogliere il carburante dell’autocisterna, ma anche diversi passanti, ha annunciato il capo della polizia locale, Willbrod Mtafungwa.

La tragedia è stata immortalata in un video che mostra quanto accaduto in quel tratto di strada strada sterrata, considerata una delle arterie principali per il rifornimento di carburante da e verso il porto di Dar es Salaam, che dista circa 200 chilometri a est. Un altro filmato, girato poco prima dell’esplosione che ha fatto strage, mostra invece uomini e donne accorrere sul luogo dello schianto dell’autocisterna, rimasta incagliata tra gli alberi, tutti con delle taniche per raccogliere la benzina.

Purtroppo si tratta di tragedie ricorrenti nella storia recente africana: lo scorso mese furono 45 i morti in un episodio simile in Nigeria. Sono stati invece 80 i morti a Niamey, la capitale del Niger, nel maggio scorso, in un incidente nei pressi dell’aeroporto. Numeri agghiaccianti ma quasi nulla in confronto alla tragedia del 2010 in Congo, quando i morti furono 292, e del 2015 in Sud Sudan, 203 morti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Russia, incendio alla base militare: sale a 7 il numero delle vittime. Nelle città vicine si fa scorta di iodio contro le radiazioni

next
Articolo Successivo

Mosca, quinto sabato di proteste antigovernative: migliaia in piazza e almeno 136 fermi per manifestazioni “non autorizzate”

next