Lo ha “visto all’ultimo momento” e ha cercato di fermare l’automobile, ma inutilmente. Così un consigliere della lega di Rimini ha investito mentre stava attraversando sulle strisce pedonali l’imam della città, Omar Faruk, di 49 anni. A travolgerlo Carlo Grotti, 35 anni, eletto in Consiglio nel 2016. “Ho cercato di frenare, ma non ci sono riuscito”, ha commentato, ancora sotto choc, il leghista. Sottoposto all’alcol test, Grotti è risultato negativo.

Secondo le prime ricostruzioni dopo l’impatto Faruk è stato scaraventato a terra ed è subito stato trasportato con l’elisoccorso all’ospedale Bufalini di Cesena. Ora è ricoverato in prognosi riservata. È stato lo stesso automobilista, che si era sposato il giorno prima, a chiamare i soccorsi.

“Non sono il tipo che va forte in macchina – ha detto Grotti ai giornali locali – non avevo bevuto, non ho mai avuto incidenti, è stata una fatalità. Adesso l’unica cosa che conta è che guarisca al più presto, mi interessa solo la sua salute. Prego per lui. Andrò a trovarlo in ospedale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, l’appello di Richard Gere a bordo della Open Arms: “Se non fosse per l’ong queste persone sarebbero morte. Supportatela”

next
Articolo Successivo

Ior, la rivoluzione del Papa: revisore esterno e direttore generale confermabile una sola volta

next