“L’esame comparato della richiesta di misura del pm e dell’ordinanza” ha “consentito di apprezzare come il primo giudice, in punto di valutazione della gravità indiziaria, si sia limitato ad operare un ‘copia e incolla’” della richiesta della Procura, aderendo in maniera “acritica e apodittica”.

Per questo motivo, senza entrare nel merito, il Tribunale del riesame di Catania, ha annullato l’ordinanza del gip nei confronti di 10 persone accusate di avere realizzato falsi documenti per favorire migranti clandestini, eseguita il 23 luglio scorso dalla Digos. Tra gli arrestati dell’operazione anche un funzionario del Comune e due vigili urbani.

“È in particolare da rilevare – spiega il Tribunale del riesame – come la parte del provvedimento impugnato che avrebbe dovuto esplicare i tratti distintivi della fattispecie associativa si sia tradotta nell’integrale trasposizione della richiesta del pm senza l’aggiunta di alcuna considerazione autonoma“. “Il provvedimento coercitivo in esame – aggiungono i giudici – non è dunque solo fortemente evocativo di un procedimento di edizione del titolo mediante il testuale richiamo della richiesta del pm, ma difetta tangibilmente dell’essenziale momento dell’autonoma valutazione del compendio indiziario, quale ineludibile passaggio argomentativo idoneo a segnalare che la richiesta cautelare sia stata effettivamente esaminata e valutata in termini non meramente adesivi o stereotipati, così da denotare l’esercizio del dovere critico che la nozione di autonoma valutazione sottintende”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Veneto Banca, chiesta l’archiviazione per l’ex presidente del cda Flavio Trinca

prev
Articolo Successivo

Ragusa, investì e uccise i due cugini di 11 e 12 anni a Vittoria. Un mese prima aveva accoltellato un coetaneo

next