Era intervenuta in Aula per rivolgersi alle opposizioni, a cominciare dal Pd, invitandole a non votare contro la mozione M5s e non offrire una stampella al governo. “Non offrite sponde agli uni o agli altri, lasciate che mostrino tutte le loro divisioni, lasciate che ne colgano tutte le conseguenze, non toglieteli dall’imbarazzo”, aveva avvertito Emma Bonino. Ma la senatrice di +Europa è rimasta inascoltata. “Paura delle elezioni da parte del Pd? Credo che la paura ci sia, anche se il bluff della crisi viene intimata da Salvini ogni giorno. E penso che ci rivedremo a settembre con tutti i problemi aperti”, E ancora: “Scelta Pd colpa di Renzi che tiene in pugno il gruppo dei senatori e non sarebbe pronto al voto? Non so, di certo i numeri dicono che la stampella dem non era necessaria”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, Lega minaccia M5s. Romeo: “Per il ‘no’ vi assumerete responsabilità nei prossimi giorni”. Pd: “A casa”

next
Articolo Successivo

No Tav dopo bocciatura mozione M5s: “Sfidiamo Salvini a far partire i lavori di allargamento. Scriviamo noi la nostra storia”

next