Era intervenuta in Aula per rivolgersi alle opposizioni, a cominciare dal Pd, invitandole a non votare contro la mozione M5s e non offrire una stampella al governo. “Non offrite sponde agli uni o agli altri, lasciate che mostrino tutte le loro divisioni, lasciate che ne colgano tutte le conseguenze, non toglieteli dall’imbarazzo”, aveva avvertito Emma Bonino. Ma la senatrice di +Europa è rimasta inascoltata. “Paura delle elezioni da parte del Pd? Credo che la paura ci sia, anche se il bluff della crisi viene intimata da Salvini ogni giorno. E penso che ci rivedremo a settembre con tutti i problemi aperti”, E ancora: “Scelta Pd colpa di Renzi che tiene in pugno il gruppo dei senatori e non sarebbe pronto al voto? Non so, di certo i numeri dicono che la stampella dem non era necessaria”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, Lega minaccia M5s. Romeo: “Per il ‘no’ vi assumerete responsabilità nei prossimi giorni”. Pd: “A casa”

next
Articolo Successivo

No Tav dopo bocciatura mozione M5s: “Sfidiamo Salvini a far partire i lavori di allargamento. Scriviamo noi la nostra storia”

next