Il gip di Bergamo Vito di Vita ha disposto gli arresti domiciliari per Matteo Scapin, a cui il pm Raffaella Latorraca ha contestato il duplice omicidio volontario per la morte di due giovani investiti dopo una lite in discoteca. Luca Carissimi, 21 anni, e Matteo Ferrari, 18 anni, erano in sella a una vespa quando sono stati travolti dalla macchina guidata dall’uomo. I

Il giudice, dopo l’interrogatorio di garanzia, ha ritenuto di riqualificare l’accusa in omicidio stradale aggravato dall’omissione soccorso. Per il magistrato non ci sarebbe stata la volontà di uccidere, così come contestava la procura. Scapin, rappresentato dai legali Riccardo Tropea e Anna Marinelli, durante l’interrogatorio, avrebbe riferito la sua versione dell’impatto tra la Mini Cooper che guidava e lo scooter su cui viaggiavano i due ragazzi.

Poco prima dell’investimento, avvenuto tra Orio al Serio e Azzano San Paolo, tra il trentatreenne, risultato positivo all’alcoltest e i due giovani c’era stata una lite all’interno della discoteca Setai, che si trova proprio a Orio al Serio, non distante dall’aeroporto. Poi i due si erano allontanati su una Vespa 125, Scapin con la sua Mini li ha inseguiti. Poche centinaia di metri dopo lo scontro. Alcune telecamere collocate sulla strada teatro della tragedia mostrerebbero la Mini che affianca la Vespa su cui viaggiavano Luca e Matteo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lega-Russia, audio dell’hotel Metropol consegnato ai difensori degli indagati

prev
Articolo Successivo

Lega, Belsito e Bossi attaccano: “I 49 milioni erano in cassa. Che fine hanno fatto? Bisogna chiederlo a Maroni e Salvini”

next