Il governo delle Filippine ha dichiarato una “epidemia nazionale di dengue” in seguito ad un forte aumento dei morti causati da questo virus nel Paese: dall’inizio dell’anno – ha reso noto il ministero della Sanità, secondo quanto riporta la Bbc – almeno 622 persone hanno perso la vita e al 20 luglio scorso sono stati registrati almeno 146.000 casi, il 98% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. In luglio Manila aveva dichiarato un “allerta nazionale” a fronte del dilagare del virus.

La febbre dengue provoca sintomi simili a quelli dell’influenza, tra cui mal di testa penetrante, dolori muscolari e articolari, febbre ed eruzioni cutanee su tutto il corpo. Dei milioni di persone infettate con dengue ogni anno in tutto il mondo, circa 500.000 sviluppano sintomi gravi che richiedono il ricovero in ospedale, e di quelle circa 12.500 persone muoiono, secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità.

Anche il Bangladesh è stato colpito dalla peggiore epidemia di dengue mai registrata nel Paese, con oltre 13.600 casi diagnosticati nel solo 2019. A più di mille persone, in maggioranza bambini, la febbre trasmessa dalle zanzare è stata diagnosticata negli ultimi giorni. I casi si sono verificati in più di 50 distretti in tutto il Paese, ma la più colpita è la capitale Dhaka, dove risiedono oltre 20 milioni di persone, e gli ospedali faticano a trovare posto per i malati.

Governo e ospedali privati stanno facendo tutto il possibile, incluso aprire un reparto speciale presso il Dhaka Medical College Hospital, ma la malattia continua a propagarsi anche nel resto l’Asia, dove è boom delle affezioni trasmesse dalle zanzare, compresa la malaria, tanto da far temere, secondo l’Oms, “una potenziale emergenza sanitaria globale“, legata anche ai cambiamenti climatici.

La Divisione per il controllo delle malattie del governo del Balgladesh ha richiesto assistenza tecnica all’Oms per il controllo della diffusione delle zanzare, secondo un rapporto pubblicato questa settimana, nel tentativo di ostacolare la diffusione della malattia a livello nazionale. Varietà di malaria multi-farmaco-resistenti si sono evolute e si stanno diffondendo in Thailandia, Cambogia, Laos e Vietnam, a quanto risulta da due studi pubblicati all’inizio di questo mese sul Lancet. I ricercatori affermano che questi ceppi hanno reso un farmaco ampiamente usato, la diidroartemisinina-piperachina (DHA-PPQ), inefficace portando ad alti tassi di fallimento del trattamento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Russia, esplosioni a catena in un deposito di armi: 16mila residenti evacuati. Il boato in un video ripreso da un abitante della zona

next
Articolo Successivo

Siria, Erdogan annuncia una nuova operazione militare contro i curdi: “Eliminiamo le minacce per la sicurezza nazionale”

next