Segregata, picchiata e violentata per tre giorni. È l’incubo vissuto da una 28enne, madre di due figli, rapita dal suo ex, un 30enne con precedenti di polizia che da Siena l’ha costretta a seguirlo fino a Foligno, in provincia di Perugia. La vittima degli abusi è riuscita a salvarsi solo lanciandosi dall’auto in movimento. L’uomo, albanese irregolare sul territorio italiano, con a carico un ammonimento del questore di Perugia, è stato rintracciato e arrestato dalla polizia.

Le violenze sono cominciate mercoledì 31 luglio scorso. Al pomeriggio del venerdì successivo, durante un viaggio a Roma, dove era stata costretta ad andare, la donna, portata all’outlet di Castel Romano, si è lanciata dalla macchina urlando e chiedendo aiuto. L’uomo, nonostante la presenza di molte persone, ha raggiunto la ragazza colpendola con schiaffi e pugni per costringerla a risalire sulla vettura. Solo l’intervento dei presenti e di alcune guardie giurate dell’outlet hanno consentito di salvarla. All’arrivo degli agenti del commissariato di Spinaceto, però, l’uomo si era già dileguato.

Agli agenti la vittima ha raccontato la relazione, durata un anno, fatta di soprusi e violenze, fisiche e psicologiche. La donna è stata anche costretta con minacce rivolte a lei e ai suoi figli a non rivelare a nessuno ciò che era costretta a subire. Dopo i soccorsi alla 28enne, ricoverata in ospedale e sottoposta al protocollo per le vittime di abusi sessuali, è cominciata la ricerca dell’uomo. Grazie ai filmati di videosorveglianza delle telecamere presenti nel centro outlet, non solo sono stati ripresi i momenti di violenza nei confronti della donna e la sua fuga, ma sono stati anche ripresi i numeri della targa e il modello dell’auto utilizzata dall’uomo: gli agenti sono così riusciti ad arrestarlo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ravenna, 87enne uccide a martellate la moglie di 79 anni nella loro abitazione

prev
Articolo Successivo

Vajont, lavori dell’Anas per Cortina 2021 demoliranno chiesa simbolo della tragedia: proprietario del terreno pronto alle barricate

next