Anche se molti non sanno nemmeno come funzionano, sono tanti gli italiani che usano le criptovalute, monete digitali basate su calcoli crittografici (e altre componenti software) di cui la più famosa è il Bitcoin. È bene sapere che, analogamente a quanto avviene con le valute tradizionali, anche per le criptovalute esistono sportelli automatici per prelevare contante. Li ha censiti CoinATMradar, e in Italia al momento sono 42 in tutto. A Milano c’è il numero maggiore, con 9 sportelli, seguita da Bologna (8), Firenze (4), Venezia (3) e una manciata di altre città in cui se ne contano da 1 a 3.

I numeri sono indiscutibilmente bassi, per farsi un’idea migliore della situazione vale la pena guardare oltreconfine: nel mondo si è superata quota 5.000, e una delle aziende leader del settore, General Bytes, ha contribuito all’incremento nell’ultimo mese con ben 69 nuove unità. A livello globale si contano 6,3 nuovi sportelli di criptovalute al giorno, partendo da qui è facile calcolare che a questo ritmo basterebbero due anni e mezzo per arrivare a 10mila sportelli automatici per criptovalute.

La maggior parte degli sportelli si trova in Nord America: il 60% negli Stati Uniti e il 12,4% in Canada. La quota europea non supera mai il 22%, l’Asia si ferma al 2%. Nel Vecchio Continente la fanno da padroni soprattutto Austria (5,2%) e Regno Unito (4,6%). Nella quasi totalità dei casi sono supportati solo i Bitcoin, e si possono sia prelevare sia versare contanti. Per procedere bisogna prima avere installato il portafoglio elettronico sul proprio smartphone e avere generato il proprio indirizzo Bitcoin (una sorta di codice IBAN) e il relativo Codice QR da far riconoscere alla macchina.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Google e Apple pagavano addetti umani per origliare le conversazioni di chi usa l’assistente vocale

prev
Articolo Successivo

Bagagli persi? Per rintracciarli British Airways introduce i chip intelligenti

next