È caduto durante il Giro di Polonia, hanno provato a rianimarlo sul posto e poi in ospedale. Ma per Bjorg Lambrecht non c’è stato nulla da fare: il ciclista belga, 22 anni, è morto due ore dopo l’incidente, avvenuto durante la terza tappa del giro, da Chorzów a Zabrze.

Dopo ore di apprensione, la notizia del decesso è stata data dalla sua squadra, la Lotto Soudal: “È avvenuta la più grande tragedia che sarebbe potuta accadere alla famiglia, agli amici e ai compagni di squadra di Bjorg. Riposa in pace, Bjorg”, ha scritto il team sui propri profili social. Secondo una prima ricostruzione, al 40esimo chilometro della tappa, Lambrecht è caduto in un fossato, con un ponticello in cemento, davanti a una casa.

Durante la scorsa primavera Lambrecht era stato una delle più grandi rivelazioni del panorama ciclistico europeo. Si era aggiudicato un quinto posto nella Brabantse Pijl e un sesto nella Amstel Gold Race. Lambrecht aveva anche vinto la classifica giovanile nel Critérium du Dauphiné.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tokyo 2020, l’Italvolley femminile batte l’Olanda 3-0 e si qualifica alle Olimpiadi

next
Articolo Successivo

Treviso, Pessina porta i libri in tribunale: chiude il cantiere del velodromo di Spresiano “capitale mondiale del ciclismo”

next