Buzz Aldrin invita gli Stati Uniti a guidare un’alleanza spaziale, in un videomessaggio pubblicato su Twitter, nel quale racconta la missione Apollo 11 e ringrazia coloro che l’hanno resa possibile. “Non vedo l’ora che l’America abbia il ruolo di leader nel prossimo passo di un’alleanza spaziale” dice ai suoi 1,4 milioni di follower. “Cinquant’anni fa, Neil Armstrong, Mike Collins e io partimmo per una missione di enorme importanza. Dio benedica i 400mila americani che ci hanno aiutato a raggiungere la Luna e a ritornare. Insieme, noi americani possiamo fare qualsiasi cosa. Non dimentichiamo mai il 16 luglio 1969“.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Così il cervello sarà collegato a un pc”, Elon Musk infrange un’altra barriera

next