“Non siamo una corrente del Pd, ce ne sono già a sufficienza”. Sono queste le parole che Matteo Renzi ha scelto per presentare i “Comitati Ritorno al Futuro” al teatro Elfo Puccini di Milano. Una forma di organizzazione che “solo in parte si sovrappone con il Pd” come racconta uno dei promotori, il deputato dem Ivan Scalfarotto che però precisa “la politica è un altro mestiere, qui parliamo di civismo”. Il tema della giornata è quello delle fake news: “Parlare di questo significa dire che o noi torniamo a cambiare l’agenda politica del nostro Paese o non vinceremo più” scandisce Renzi dal palco di fronte alle oltre 800 persone che hanno riempito il teatro. In prima fila sono seduti i “big” renziani. Da Sandro Bonifazi a Maria Elena Boschi che però si schermisce: “Non c’è nessuna prova generale per fare un nuovo partito, c’è la voglia di fare buona politica”. In sala anche il sindaco di Milano, Giuseppe Sala.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Renzi: “Il loro modello culturale? È il cialtronismo. L’unico collante del governo è la paura di perdere il potere”

next
Articolo Successivo

Gratteri: “Renzi mi disse ‘sarai mio ministro, hai carta bianca’. Poi mi telefonò Delrio, Napolitano non mi voleva”

next