Google ha deciso di omaggiare Wimbledon, il celebre torneo di tennis su erba valido per il Gande Slam, con un “easter egg”. Sebbene la traduzione letterale sia “uovo di Pasqua”, il termine nell’ambito informatico non indica l’involucro in cioccolato, ma la sorpresa all’interno. O meglio, qualcosa di inaspettato all’interno di un software, che può essere un messaggio nascosto, una firma dell’autore, eccetera. Google ha una lunga storia di easter egg al suo attivo, che potete trovare a questa pagina Wikipedia. L’ultimo in ordine di tempo riguarda appunto il torneo di Wimbledon.

Per trovarlo dovete aprire la pagina di ricerca di Google nel browser e digitare la chiave di ricerca “wimbledon”. Il primo risultato visualizzato è la tabella delle partire odierne, ripartite per Singolare maschile, singolare femminile, doppio maschile, eccetera. fate scorrere orizzontalmente tale elenco: dopo il doppio misto vedrete una pallina da tennis verde, che è la porta d’ingresso all’easter egg. Selezionatela, verrà visualizzata una schermata di gioco in stile pixel art.

La dinamica di gioco è ovviamente quella del tennis, e l’obiettivo del gioco è di fare il numero maggiore possibile di scambi per battere l’avversario e far salire il proprio punteggio. Si serve con Invio, ci si sposta con le frecce direzionali, e i personaggi vengono scelti casualmente dal sistema, che proporrà animali e supereroi di vario tipo.

L’easter egg funziona anche da smartphone: si accede con la stessa modalità, ma per spostarsi in campo bisogna toccare il lato destro o sinistro dello schermo. Buon divertimento, e che vinca il migliore!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Samsung Galaxy Tab S5e è un tablet ben fatto per la multimedialità in movimento, ma costa 350 euro

prev
Articolo Successivo

Consegne di PC in crescita grazie a Windows 7 e alla paura dei dazi statunitensi

next