“Ah, ma lei viene da Roma? No, qui non si affitta agli italiani“. Il karma sovranista si abbatte sulla Lega. E in particolare su Giorgio La Porta, giornalista, social media manager e assistente del neo europarlamentare del Carroccio, Antonio Maria Rinaldi, che appena trasferito a Bruxelles si è visto rifiutare l’affitto di un appartamento da una donna belga. Al collaboratore leghista, già componente del comitato elettorale di Matteo Salvini alle recenti elezioni europee e direttore del sito centro-destra.it, non sono bastati il contratto quinquennale appena stipulato con la segreteria di Rinaldi, un discreto stipendio, le referenze del caso e un buon inglese: appresa la sua provenienza, La Porta si è visto “gentilmente” congedato.

“Non è stata un’offesa a me, ma al mio Paese. È questo che mi fa rabbia”, dice il giornalista a IlFattoQuotidiano.it, specificando che “non avevo detto alla signora per quale gruppo politico avrei lavorato”. Se a La Porta, “orgogliosamente sovranista e salviniano”, qualcuno – sui social – gli fa notare che in Italia si sta diffondendo un sentimento simile nei confronti dei migranti, “come c’è ancora nei confronti dei meridionali” e che “la Lega potrebbe aver contribuito”, lui risponde: “Ma questa è l’Unione Europea, io devo avere gli stessi diritti che ha un cittadino belga, francese, tedesco o svedese, io non sono venuto qui col barcone, sono venuto con l’Alitalia e con un contratto di lavoro in mano”. Un “razzismo verso gli italiani“, “esistente da decenni” che “non ha certo creato Matteo Salvini

Sull’episodio, denunciato mercoledì, si è anche espresso lo stesso Rinaldi, su Facebook: “Cordone sanitario anche sugli affitti? Bene, altri 50mila voti a noi”. “Tra un mese – dice La Porta – sarà l’anniversario della strage di Marcinelle, a pochi chilometri da qui, dove nel 56 morirono 256 compatrioti italiani. Mercoledì sera, tornando a casa ho mangiato una pizza e ho bevuto un limoncello per assaporare un po’ della mia Italia. Nei prossimi giorni prenderò un biglietto per Marcinelle, perché l’8 agosto voglio essere lì a onorare i caduti e a ricordare a qualche razzista da 4 soldi la storia del mio popolo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ho depositato una mozione affinché l’Italia riconosca lo Stato palestinese

next
Articolo Successivo

Europee, giovani aumentati del 50%. Italia prima tra gli euroscettici, ma gli elettori oggi sentono di contare di più

next