Stefano Rocco Fava, pubblico ministero di Roma indagato a Perugia per favoreggiamento e rivelazione di segreto d’ufficio nell’ambito dell’inchiesta che ha coinvolto il collega Luca Palamara, ha chiesto al Consiglio superiore della magistratura di essere trasferito.

In particolare Fava, autore di un esposto contro i colleghi Paolo Ielo e Giuseppe Pignatone, ha chiesto di essere destinato come giudice al tribunale di Tivoli o in alternativa di Velletri. Sulla richiesta dovranno esprimersi la Terza e la Prima Commissione di Palazzo dei Marescialli, che gli aveva aperto la procedura di trasferimento d’ufficio per incompatibilità in relazione ai fatti contestati nell’inchiesta penale. Procedura che sarà archiviata nel caso la richiesta di trasferimento venisse accolta.

Al vaglio del Csm c’è anche la richiesta di trasferimento avanzata in prevenzione dal pm Luca Palamara, indagato per corruzione, che ha chiesto come sede di destinazione il tribunale dell’Aquila. Al momento la prima commissione ha dato parere favorevole. Su Palamara pende anche la richiesta di sospensione cautelare dallo stipendio e dalle funzioni ed è attesa a breve la decisione della sezione disciplinare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Frodare la scienza (e i cittadini) non è reato?

prev
Articolo Successivo

Magistrati indagati, dal Csm sì al pensionamento anticipato del pg della Cassazione Riccardo Fuzio

next