“Auspico che siano organizzati in modo esteso e concertato i corridoi umanitari per i migranti più bisognosi”. È l’appello lanciato da papa Francesco nel corso dell’Angelus in piazza San Pietro in cui ha chiesto ai fedeli di “pregare per le povere persone inermi uccise o ferite dall’attacco aereo” che ha colpito il centro di detenzione di migranti in Libia, a Tajoura, in cui sono morte 90 persone. “La comunità internazionale – ha aggiunto il pontefice – non può tollerare fatti così gravi. Prego per le vittime: il Dio della pace accolga i defunti presso di sé e sostenga i feriti”.

Parole che arrivano a poche ore dalle polemiche per lo sbarco a Lampedusa dei migranti tratte in salvo dalla nave Alex dell’ong Mediterranea, mentre ancora è in bilico il destino di un’altra nave, l’Alan Kurdi, e che suonano come una replica a quanto affermato sabato dal ministro dell’Interno Matteo Salvini che aveva detto che “stiamo facendo i corridoi umanitari, non si sono mai interrotti i corridoi umanitari, ne arrivano a centinaia con i corridoi umanitari. Non è una novità, li ho firmati io personalmente”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alan Kurdi, Malta autorizza lo sbarco dei 65 migranti: “Subito ricollocati”. Attracco alle 21. Sea-Eye: “Ce l’abbiamo fatta”

next
Articolo Successivo

Mediterranea, il capitano della nave Alex: “Un agente piangeva mentre controllava i documenti. Un altro ci ha ringraziato”

next