“Auspico che siano organizzati in modo esteso e concertato i corridoi umanitari per i migranti più bisognosi”. È l’appello lanciato da papa Francesco nel corso dell’Angelus in piazza San Pietro in cui ha chiesto ai fedeli di “pregare per le povere persone inermi uccise o ferite dall’attacco aereo” che ha colpito il centro di detenzione di migranti in Libia, a Tajoura, in cui sono morte 90 persone. “La comunità internazionale – ha aggiunto il pontefice – non può tollerare fatti così gravi. Prego per le vittime: il Dio della pace accolga i defunti presso di sé e sostenga i feriti”.

Parole che arrivano a poche ore dalle polemiche per lo sbarco a Lampedusa dei migranti tratte in salvo dalla nave Alex dell’ong Mediterranea, mentre ancora è in bilico il destino di un’altra nave, l’Alan Kurdi, e che suonano come una replica a quanto affermato sabato dal ministro dell’Interno Matteo Salvini che aveva detto che “stiamo facendo i corridoi umanitari, non si sono mai interrotti i corridoi umanitari, ne arrivano a centinaia con i corridoi umanitari. Non è una novità, li ho firmati io personalmente”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alan Kurdi, Malta autorizza lo sbarco dei 65 migranti: “Subito ricollocati”. Attracco alle 21. Sea-Eye: “Ce l’abbiamo fatta”

prev
Articolo Successivo

Mediterranea, il capitano della nave Alex: “Un agente piangeva mentre controllava i documenti. Un altro ci ha ringraziato”

next