“È stata valutata negativamente, in maniera volontaria, la manovra effettuata con i motori laterali della Sea Watch che ha prodotto lo schiacciamento della motovedetta della Guardia di finanza verso la banchina. Questo atto è stato ritenuto, da noi, fatto con coscienza e volontà”. Lo ha detto il procuratore capo Luigi Patronaggio, entrando nel dettaglio delle valutazioni dell’accusa nl corso di un punto stampa organizzato al termine dell’interrogatorio a Carola Rackete. Per la Procura di Agrigento la motovedetta della Guardia di Finanza che ha provato a bloccare l’ingresso al porto della nave Sea watch è considerata una “nave da guerra”. I pm hanno chiesto la convalida dell’arresto operato dalla Guardia di finanza in relazione agli atti di resistenza con violenza nei confronti di una nave da guerra, individuata proprio nella motovedetta

video di Alan David Scifo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vicenza, a fuoco azienda di vernici: colonna di fumo visibile a chilometri di distanza. Sindaci: “Chiudere finestre”

prev
Articolo Successivo

Baby gang a Jesolo, bagnini allontanano ragazzi da zona ‘interdetta’: raid punitivo di un gruppo composto da 30 ragazzi

next