Motivare i bambini a svolgere attività fisica non è sempre facile, il produttore di fitness tracker Fitbit prova a stimolare i più piccoli a fare più movimento con un prodotto che ricalca le tecniche che hanno avuto successo con gli adulti. Si tratta di Ace 2, la seconda versione del modello da polso annunciato lo scorso anno. Il nuovo modello ha un prezzo più accessibile di 70 euro e vede in uno dei suoi punti di forza la compatibilità di software e interfacce con i modelli per gli adulti. Questo idealmente dovrebbe spingere la famiglia nel suo complesso a tenersi in forma, per migliorare la salute di tutti i componenti.

Ace 2 traccia l’attività fisica e il sonno, permette di aderire a sfide a tappe, incoraggia un’ora di attività al giorno ed è impermeabile fino a 50 metri. Può essere usato per impostare promemoria, sveglia, timer, cronometro e altro, e nell’edizione nuova ha un braccialetto più robusto rispetto al passato. Promette un’autonomia di cinque giorni, che sarà un aspetto da verificare in fase di test.

Il controllo avviene tramite l’usuale app Fitbit, che in questo caso assume un’interfaccia più simpatica e a misura di bambino. I genitori possono configurare un account di famiglia in cui è incluso quello per i loro figli. Tramite la Visualizzazione genitori dell’app, questi ultimi possono monitorare l’attività dei figli, gestirne l’account e approvare eventuali richieste di amicizia. Importante il fatto che per la sicurezza dei bambini, nell’interfaccia a loro visibile non sono inclusi dati quali calorie bruciate o percentuali di grasso corporeo, che i più piccoli potrebbero recepire in maniera negativa.

 

Lo schermo touch ricorda quelli dei fitness tracker per adulti Inspire e Inpire HR, salvo il fatto che lo schermo è protetto da una cornice che previene rotture dovute a urti e cadute, e che il cinturino con fibbia regolabile ha un maggiore spessore per evitare che si strappi accidentalmente. Anche i colori sono più giocosi. Sul piccolo schermo dal quadrante personalizzabile i bambini possono vedere statistiche, raggiungimento degli obiettivi, gli amici che sono stati approvati dai genitori ed altre notifiche.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Traduttore di Google non rimpiazza i traduttori umani, Wikipedia ne sa qualcosa

next
Articolo Successivo

Analfabeti digitali: secondo l’OCSE l’Italia il terzo Paese peggiore su 29 analizzati

next