“Ci sono due tipi di sbarchi: gli sbarchi fantasma di cui nessuno parla, poi arrivano le ong e si scatena il finimondo, si accendono i riflettori e tutti parlano di 43 persone non vedendo che nei giorni scorsi sono sbarcate 200 persone“. Lo ha detto il sindaco di Lampedusa Totò Martello, intercettato dalle telecamere davanti palazzo Chigi, dove era in corso il Consiglio dei Ministri.  Martello nega che la sua sia una critica a Salvini: “Sto dicendo come stanno le cose, non posso criticare nessuno, applichiamo la legge per quella che è. Anche l’altra volta con la Mare Jonio è successa la stessa cosa. Arrestare l’equipaggio? È la procura che deve applicare la legge, non possiamo stabilirlo noi”. Per il sindaco di Lampedusa “se sbarcano altri non capisco perché non debbano sbarcare questi“. “Non ho parlato con Salvini. La gestione dei migranti e gli arrivi li gestisce la prefettura di Agrigento, sono le forze dell’ordine che gestiscono”, ha concluso

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ex Ilva, Arcelor minaccia il governo: “Senza immunità lo stabilimento di Taranto chiuderà il 6 settembre”

next
Articolo Successivo

Sea Watch, Di Maio: “Si fa pubblicità, se litighiamo con ong perdiamo. Servono corridoi umanitari legali e più rimpatri”

next